41493 - Tarabas. Un ospite su questa terra [ 1979. Solo testo. 204 pagine ] Disponibile Disponibile presso: Agorateca
Titolo originale
Tarabas. Ein Gast auf dieser Erde

Autore
Joseph Roth

Editore
Biblioteca Adelphi

Genere
Narrativa

Pubblico
Per tutti

Trama
Nicholas Tarabas, un giovane russo, di buona famiglia, bello e imponente, preda delle passioni e di una furia incontrollabile, viene spinto dal suo carattere distruttivo, in un vortice di eventi che lo portano alla disperazione. Da giovane, una zingara gli aveva predetto che il suo destino sarebbe stato di diventare assassino e santo: «Io leggo nella sua mano che lei è un assassino e un santo»[2]. Si unisce a un gruppo rivoluzionario, che opera in Russia prima della prima guerra mondiale ma - in seguito a un attentato, di cui è accusato - viene costretto dal padre a lasciare la patria per andare in America, a New York. Un mondo alieno dove, in preda alla sua «indiscriminata passionalità» [3], Tarabas uccide un uomo, in un impeto di rabbia e gelosia, che di nuovo lo costringe alla fuga. La prima guerra mondiale è iniziata, e Tarabas si unisce all'esercito russo. Torna a casa dove riceve una fredda accoglienza dalla propria famiglia. L'esercito diventa il suo unico rifugio. Raggiunto il rango di colonnello, terrorizza gli abitanti della città di Koropta, dov'è di stanza, accanendosi in particolare contro gli ebrei. Di tanto in tanto ricorda la predizione della zingara: ora che si è dimostrato un assassino, quando e come diventerà santo? A questo punto, dopo aver commesso l'ennesima atrocità, lascia le consegne al generale, Lokubeit e abbandona la divisa per fare il viandante e il penitente. Finita la guerra e consolidata la rivoluzione russa, torna a Koropta, che aveva terrorizzato da militare, con il desiderio di farsi perdonare per tutte le violenze commesse. Per espiare le proprie colpe, vive come un miserabile tra i miserabili. Dopo poco muore di stenti e malattia. Viene sepolto nel cimitero della città sotto l'epitaffio "colonnello Nicholas Tarabas, un ospite sulla Terra." Come un uomo che non è appartenuto a nessun luogo, in nessun tempo.

Lingue
Italiano

Formato
Libro

Stampa questa scheda
Scopri i nostri suggerimenti
Proponici una tua idea
Segnalaci eventuali errori
Inviaci una domanda

Il tuo commento è stato inserito con successo.
Verrà visualizzato non appena un amministratore lo convaliderà.

Nuova opinione