31905 - Allegro ma non troppo con le leggi fondamentali della stupidità umana [ 1988. Solo testo. 83 pagine ] Disponibile Disponibile presso: Agorateca
Titolo originale
Allegro ma non troppo con le leggi fondamentali della stupidità umana

Autore
Carlo Maria Cipolla

Editore
Il Mulino

Genere
Saggio, Umoristico

Pubblico
Per tutti

Trama
Il primo saggio descrive una ilare parodia della storia economica e sociale medievale partendo proprio dalla scarsissima reperibilità del pepe in Europa dopo la caduta dell'Impero romano e la temporanea fine dei commerci con l'oriente. Con un racconto ironico, Cipolla narra brevemente la storia economica medioevale, dalla caduta dell'Impero romano, che sarebbe riconducibile all'utilizzo del piombo come metallo per i manufatti casalinghi che portò alla sterilità la classe dirigente romana, la quale non seppe rinnovarsi e quindi opporsi alle orde barbariche, e di come la fine dei commerci con l'oriente abbia causato penuria dell'afrodisiaco pepe nella dieta medievale. Il secondo saggio tenta di elaborare una scherzosa teoria generale sulla stupidità umana, che vede gli stupidi come un gruppo di gran lunga più potente delle maggiori organizzazioni come le mafie o le lobby industriali, non organizzato e senza ordinamento, vertici o statuto, ma che tuttavia riesce ad operare con incredibile coordinazione ed efficacia.

Lingue
Italiano

Formato
Libro

Stampa questa scheda
Scopri i nostri suggerimenti
Proponici una tua idea
Segnalaci eventuali errori
Inviaci una domanda

Il tuo commento è stato inserito con successo.
Verrà visualizzato non appena un amministratore lo convaliderà.

Nuova opinione