28907 - Tamburi nella notte [ 1964. Solo testo. 66 pagine ] Disponibile Disponibile presso: Agorateca
Titolo originale
Trommeln in der Nacht

Autore
Bertolt Brecht

Editore
Giulio Einaudi Editore

Genere
Teatro

Pubblico
Per tutti

Trama
Storia dell'opera La prima edizione di "Trommeln" risale al 1919 e rappresenta la prima presa di contatto con la realtà politica contemporanea da parte di Brecht: sono, infatti, presenti espliciti riferimenti all'attualità, in particolare alla rivolta spartachista del Novembre 1919. Nella seconda versione, poco diversa dalla prima, Brecht ha ritenuto più significativo parlare della sollevazione spontanea di gennaio, sono quindi realativi a quest'ultima i riferimenti specifici che troviamo qua e là nel testo. Trama Un reduce di guerra (Andrea Kragler), ormai lontano da Berlino e dalla sua fidanzata (Anna Balicke) da cinque anni è dato ormai per morto, si ripresenta alla porta dell'amata intenzionato a tornare con lei. Scopre però Anna promessa sposa ad un borghese (Murk) evidentemente non innamorato di lei e per il quale neanche lei prova sinceri sentimenti. Si tratta del tipico matrimonio d'interesse borghese, voluto dai genitori indifferenti alla felicità dei figli e interessati soltanto alle disponibilità economiche del marito. Anna inizialmente non riesce a ribellarsi alla sua condizione, in quanto è una ragazza fragile che si ritrova totalmente in balia dell'ambiente che la circonda. Pertanto accetterà senza ribattere troppo, il suo destino. Nel rivedere però il suo vecchio e sincero amore qualcosa dentro di lei cambia, ritrova la forza perduta e alla fine si ricongiungerà a lui. Simbologia All'interno del dramma vi sono diversi elementi simbolici, uno di questi è il tamburo, simbolo della rivolta, e che Kragler aveva imbracciato deciso ad unirsi alla rivolta in corso a Berlino dopo l'iniziale rifiuto di Anna. Questo stesso tamburo, Kragler lo scaglierà contro la luna (di cartone) alla fine dell'opera, a dimostrare il suo abbandono della rivolta, e ad esso preferirà il letto, simbolo della riproduzione. Possiamo definire Kragler come l'"uomo piccolo" al di fuori della storia, egli non è né un eroe né un antieroe, semplicemente ha deciso di adattarsi per sopravvivere. Un altro simbolo presente nell'opera è lo stivale, status symbol del mondo borghese, solo chi ha soldi può infatti permetterselo. In una scena significativa Murk, borghesuccio arricchitosi grazie alla guerra, in possesso quindi di stivali belli e nuovi, si prende gioco di Kragler offrendogli di comprare i suoi stivali, logori e distrutti dalla guerra, per esporli al museo dell'esercito. Comprensibilmente Kragler rifiuterà i suoi soldi. Nella rappresentazione di "Trommeln in der Nacht" (1922) Brecht introduce per la prima volta lo striscione, o cartello, con scritte di carattere illustrativo, ironico e didascalico, elemento dall'effetto estraniante che ritroveremo spesso nel suo teatro epico.

Lingue
Italiano

Formato
Libro

Stampa questa scheda
Scopri i nostri suggerimenti
Proponici una tua idea
Segnalaci eventuali errori
Inviaci una domanda

Il tuo commento è stato inserito con successo.
Verrà visualizzato non appena un amministratore lo convaliderà.

Nuova opinione